Condividi
Dopo le Europee

Cateno De Luca: “Messina fortino sotto assedio, io sarò sindaco di Sicilia”

sabato 29 Giugno 2024

Archivia (con amarezza) il progetto di partito nazionale dopo la sconfitta alle Europee (QUI), si prepara a difendere il fortino di Messina (sott’assedio) e punta tutto sull’obiettivo che era quello del 2022: la pesidenza della Regione Siciliana.

LA PROFEZIA DI PIEPOLI

Il ritorno di Cateno De Luca è stato in due tempi, ieri sera a Fiumedinisilà dove tutto è cominciato” assemblea di partito e questa mattina a Palazzo Zanca in conferenza stampa (in un Salone delle Bandiere affollato da esponenti di Sud chiama Nord e amministratori). Punto di partenza la disamina del voto che Cateno ha fatto senza sconti ma anche senza demoralizzarsi più di tanto, perché basta dividere il tonfo nazionale dai dati locali per capire da dove ripartire. Senza sconti dicevamo, il leader di Sud chiama Nord ammette che quell’1,3% nazionale è la metà di quello che si aspettava “ma è sempre più dello 0,9% che avevamo nel 2022 e comunque si è avverata la profezia di Piepoli che sin dall’inizio ha detto che il nostro è un fenomeno regionale, legato al nostro ben operare come amministratori”.

FORTINO SOTT’ASSEDIO

Archiviata quindi l’avventura politica nazionale “lascio a Laura Castelli presidente di ScN ed al nostro deputato nazionale Francesco Gallo il compito di fare quel partito nazionale che non sono riuscito a fare”. L’analisi del voto prosegue a livello locale, con i dati di Messina e provincia che sorridono ancora al gruppo deluchiano ma che, come spiega il sindaco di Taormina: “dimostrano che il fortino di Messina è sotto assedio” e che pertanto devono essere prese le contromisure.

L’ANALISI DEL VOTO

Numeri alla mano De Luca confronta i numeri delle Europee del 9 giugno con le Politiche del 2022 “il confronto deve farsi su un voto che di tipo politico e non amministrativo, perché sul piano amministrativo non c’è partita con noi……”. Il confronto dimostra che non c’è stato nessun tracollo e che Messina e provincia resta il “fortino”, sia pure con cali di percentuali che sono fisiologici perché il voto per le Europee è un “puro voto ideologico. Ma proprio i dati ci fanno capire che i cittadini dopo averci dato fiducia come amministratori iniziano a darcene anche sotto il profilo politico”

Il dato provinciale mostra come la zona jonica è la vera roccaforte dei consensi e come “dove il metodo di Cateno-Attila dà i suoi frutti amministrando i cittadini ci seguono”. Svetta su tutti il dato di Fiumedinisi.

Dall’analisi non sono mancate le frecciate agli avversari “ i sì ponte hanno perso, nessuno della maggioranza al governo ha fatto i miei stessi numeri, dovrebbero dimettersi tutti”, ma i toni non sono più quelli del passato. Già a Fiumedinisi ha annunciato (ebbene sì, proprio lui, l’imperatore delle dirette facebook) che è arrivata l’ora di smettere di essere così attaccati ai social ed alle apparenze “oggi pensano tutti che valga più un post di una cosa reale”.

L’ESPERTO DI BASILE

Quindi ricomincia da Messina “attenti, siamo sotto assedio ed è per questo che ci sono qui io, pronto a difendere tutto quello che abbiamo fatto”. Non usa toni forti ma annuncia una revisione di giunta e partecipate da fare nell’arco dei prossimi dieci mesi, di concerto con il sindaco Basile “sono qui in qualsiasi ruolo mi vorrà Federico, anche come esperto a titolo gratuito, ci sono delle cose da sistemare, ci sono partecipate che non dialogano con gli assessori, ci sono amministratori che a causa dell’ansia da prestazione commettono errori, ci sono stati anche errori di comunicazione”.

L’obiettivo è la candidatura alla presidenza della Regione, con o senza Pd e M5S e per raggiungerlo deve necessariamente tornare alla base: “Da oggi mi concentrerò esclusivamente sulla Sicilia, e sui siciliani e siciliane. A me non interessa la politica dei salotti romani, dei compromessi. E da qui riparto, da qui ripartiamo tutti insieme.  Ripartiamo con determinazione dai due capisaldi dell’azione politica di Sud Chiama Nord: la scuola di formazione politico-amministrativa e la militanza a punti. Formazione e confronto, con sacrificio e passione, saranno le nostre linee guida.”

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.