Condividi

Condannati i Lo Piccolo per l’omicidio di Felice Orlando, 30 anni ai due boss

mercoledì 18 Gennaio 2017
Salvatore e Sandro Lo Piccolo
Salvatore e Sandro Lo Piccolo

Due settimane prima dell’omicidio di Felice Orlando, nel 1999, un collaboratore di giustizia che lo conosceva bene l’aveva definito “un morto che cammina”. Era segnata la sorte dell’imprenditore dello Zen che fu ucciso nella sua macelleria con sette colpi di pistola. Un omicidio eclatante per il quale cono stati condannati questa mattina – in abbreviato, davanti al gup Gioacchino Scaduto – Salvatore e Sandro Lo Piccolo, padre e figlio. Per i due una condanna 30 anni con la riduzione per il rito. Sarebbe stato ergastolo (come avevano chiesto i pm Annamaria Picozzi e Alessia Sinatra) se non fosse stata dichiarata prescritta la detenzione di armi.

I boss di San Lorenzo volevano dare una punizione esemplare al negoziante. A raccontare le motivazioni che portarono all’esecuzione è stato recentemente un altro pentito, Antonino Pipitone, rampollo della famiglia di Carini, che in quegli anni era uno degli astri nascenti della mafia della zona. “Orlando dava fastidio e si era parlato di ucciderlo”, ha raccontato.
I dissidi sarebbero stati dovuti a una spaccatura sulla gestione del mandamento e al probabile tentativo di Orlando di farsi largo nel clan. Un giorno, secondo il racconto di Pipitone, Salvatore Lo Piccolo sbottò: “Questo sta rompendo troppo”. Era stata emessa la condanna a morte. Gli inquirenti capirono subito che si trattava di dissidi interni, ma è stata la collaborazione di Pipitone a portare gli essenziali riscontri per la condanna. Felice Orlando, a detta degli inquirenti, avrebbe cercato di “allargarsi”, di fare il passo più lungo della gamba: voleva scalzare l’uomo di fiducia dei Lo Piccolo allo Zen. Anche il luogo scelto per l’omicidio non fu casuale, i boss avrebbero voluto dare un segnale di controllo del territorio per mettere in chiaro i rapporti di forza nella zona.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.