Condividi
L'annuncio

Epatite C, a rischio ventimila siciliani: al via la campagna di screening gratuito CLICCA PER IL VIDEO

lunedì 22 Aprile 2024

Eliminare uno dei maggiori killer presenti in Sicilia. È questo l’obiettivo della nuova campagna di screening gratuito per l’Epatite C dell’Assessorato regionale della Salute.

In Sicilia sono oltre 8.000 i pazienti viventi con cirrosi e 1.500 col cancro al fegato causati dall’epatite C. Ventimila sono, invece, i siciliani che potrebbero avere contratto il virus HCV senza saperlo.

I dati della Regione evidenziano anche che fra cancro e cirrosi, precedentemente, si registravano circa 6.000 decessi l’anno, ma la mortalità si è abbassata drasticamente, circa del 40%, grazie alle nuove terapie, efficaci e risolutive se la malattia è diagnosticata per tempo.

Proprio per questo oggi, lunedì 22 aprile, la Regione ha presentato la campagna 2024 di screening  gratuito per l’epatite C in Sicilia rivolta a tutti i residenti in Sicilia, nati tra il 1969 e il 1989.

L’Epatite C

L’Epatite C è una malattia infiammatoria del fegato causata dal virus dell’epatite C (HCV, acronimo dell’inglese Hepatitis C Virus) che, in tutto il mondo, rappresenta una delle principali cause di trapianto e dello sviluppo di malattie croniche del fegato. Il virus si trasmette attraverso il contatto con sangue infetto, meno facilmente per trasmissione sessuale o parenterale (di madre in figlio). Il rischio maggiore connesso a questa patologia è la cronicizzazione, poiché il virus si presenta senza sintomi o quasi. La manifestazione, infatti, avviene dopo diversi anni dal contagio quando ormai si è sviluppata una malattia epatica cronica o di altre complicazioni in altri organi.

Dalla febbre, nausea, affaticamento e sensibilità nell’area del fegato, sintomi blandi, si passa a insufficienza epatica, cirrositumore del fegato.

La Campagna

Occorre quindi tornare ad alzare l’asticella dell’attenzione non soltanto nei comportamenti che possano evitare di contrarre l’Epatite C ma anche garantire la massima diffusione della cultura della prevenzione e della diagnosi, unico strumento che permetterebbe di eradicare la malattia. L’assenza di una diagnosi è un problema importante a fronte di una malattia che oggi é assolutamente curabile in modo semplice, se solo diagnosticata nei giusti tempi.

La strategia è quello di puntare ad un programma di prevenzione che colpa a tappetto al fine di rastrellare il più possibile tutti i soggetti che possano sviluppare una infezione dal virus”, dice il dirigente generale del Dasoe, Salvatore Requirez.

“Tutti i componenti della sanità siciliana parteciperanno alla campagna: Sono coinvolti 320 laboratori di analisi convenzionati, 680 punti prelievo, 4.200 medici di medicina generale, 640 medici del lavoro, 1.600 farmacie e 5.000 farmacisti. L’assessorato inoltre sta lavorando su due fronti: i media e lettere per invitare i cittadini a partecipare alla campagna gratuita”, aggiunge Vito Di Marco, rappresentante per la Sicilia del gruppo tecnico di coordinamento, monitoraggio e valutazione dello screening nazionale per HCV del Ministero della Salute.

“I portatori asintomatici, non hanno ancora sviluppato i segni di una malattia che li potrà portare a morte. Oggi dobbiamo trovare nella popolazione generale questi soggetti in considerazione che oggi abbiamo dei farmaci che hanno ridotto drasticamente le conseguenti malattie e i decessi di cirrosi e cancro“, conclude Antonio Craxì, presidente della commissione scientifica Rete HCV Sicilia.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.