Condividi

Il cannolo siciliano, ecco come si prepara | VIDEO

mercoledì 15 Aprile 2020

Guarda il video in alto

Da oggi, con questo video sulla preparazione del cannolo, inauguriamo questa nuova rubrica sulla preparazione dei dolci, che nasce grazie alla collaborazione con “Dulcis inside“, fondato da Giuseppe Marrone, pasticcere palermitano trapiantato ormai da più di 5 anni a Milano, e da sua moglie Emanuela Bova Conti.

*****

“Io sono nato in Sicilia e lì l’uomo nasce isola nell’isola e rimane tale fino alla morte, anche vivendo lontano dall’aspra terra natìa circondata dal mare immenso e geloso. (Luigi Pirandello)

Tra mito e realtà si snodano storie e racconti sui cannoli e sulle sue origini. In quel di Caltanissetta tra XVI° e XVII° secolo, ci troviamo in un harem di un sultano e accade che le sue concubine, per entrare nelle sue grazie, gli prepararono proprio dei magnifici cannoli.

A Carnevale ogni scherzo vale e allora ecco che, secondo un’altra leggenda, il cannolo prende il suo nome dal rubinetto da cui “per scherzo” si fece fuoriuscire della candida crema di ricotta al posto dell’acqua.

A dar credito all’etimologia, veniamo condotti sulle rive di un fiume, dove “la canna di bambù”, una volta spezzata diventa l’oggetto su cui si arrotola la pasta. E da qui nasce la parola “cannolo” indicando proprio una piccola canna mozzata. Gli antropologi, dal canto loro, videro nel cannolo e nella sua forma un forte richiamo alla fecondità, un simbolo alla prosperità. Ecco perchè in tutti i miti, spesso il cannolo viene associato alle donne, che incarnano proprio il valore della fecondità.

Se il mito ci culla con le sue storie, è la realtà di sicuro a esaltare il mito dei cannoli, perché la loro ricetta ci parla di radici e territorio e ancora di profumi che riecheggiano la storia. Un cannolo è la fotografia della Sicilia, i pascoli ci danno una materia prima “la ricotta” che gli Arabi seppero condire con il miele, regalandoci l’ambrosia siciliana. La frittura il “leit motiv” delle prelibatezze sicule, fissa sulla “scoccia” del cannolo le riconoscibili bollicine, tutte diverse quasi a simboleggiare le variopinte personalità dei siciliani. E ancora lasciamoci inebriare dai canditi di arancia e dalla granella di pistacchio, tra profumi e sensazioni, come a voler lasciare un marchio indelebile “il territorio” adagiato sul morbido letto di ricotta. “Cui nun ni mancia, si fazza ammazzari” così recita un proverbio siciliano, riferendosi ai cannoli, e allora perché non prendere spunto da questo video per appagare il nostro senso “di appartenenza”.

 

Il team di Dulcis Inside

Giuseppe Marrone

Emanuela Bova Conti

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.