Condividi

Il training autogeno del Pd tra la clava e il martello [LE FOTO]

venerdì 19 Gennaio 2018
Direzione PD clava

Rimuovere la clava, che pare invece posta in buona evidenza, e ripartire dal confronto. Una promessa o una minaccia? Il Pd della ripartenza si dà appuntamento all’Hotel delle Palme a Palermo per superare le incomprensioni, o per provarci, e per dirsi tutto. Una volta e per tutte.

Assente Davide Faraone, sottosegretario alla Salute e regista dell’operazione Micari a Palazzo d’Orleans.

Per il resto, c’è la folla delle grandi occasioni, nell’assemblea dei democrat, riunito per la direzione regionale. Non manca Mirello Crisafulli. Ed è già una notizia: “Da questa direzione del Pd mi aspetto un confronto sereno e aperto, soprattutto mi aspetto dialogo. Dividersi sarebbe proprio una follia. Mettiamo da parte le vecchie ruggini e guardiamo avanti”, è invece il Crocetta-pensiero, con l’ex governatore che non nasconde le proprie ambizioni: Crocetta“Aspetto, vengo da un’esperienza politica fatta di coerenza e non sono uno che dice ‘se non mi candidate vado da un’altra parte’. Ho chiesto a Renzi il riconoscimento di un ruolo politico e lui mi ha assicurato che questo riconoscimento ci sarà e che aveva pensato a me come candidato. Ora il partito farà le sue scelte, ma io non sono qui a elemosinare qualcosa”.

Stato d’animo in fondo comune a quello di Bruno Marziano, assessore alla Formazione professionale di Crocetta, non rieletto all’Ars che potrebbe aspirare al salto romano: “Ci sono 20 uscenti, 30 aspiranti e 10 posti più o meno. Però c’è sempre un rapporto maggiore di quando compri il biglietto della lotteria: quello è uno su un milione, adesso la possibilità è una su cinquanta, che non è male”.

A dettare le coordinate è il segretario regionale: “Dobbiamo essere formazione compatta” una rivendicazione di appartenenza e di orgoglio messa in discussione dalle ultime settimane in cui i Dem hanno messo una visione sfilacciata delle scelte, a partire dal voto a Gianfranco Miccichè, in occasione dell’elezione del presidente dell’Ars.

Raciti tiene il campo, argomenta e ricuce:“La formula che ci troviamo davanti – ha aggiunto – per le nazionali è un modello che tende a tenere insieme due percorsi che in natura dovrebbero essere distinti: l’anima della destra dura e quella moderata, accomodatrice come Forza Italia. Noi dobbiamo provare a sfidare questo modello sia a livello siciliano che nazionale”, ma sa che le anime contrapposte non faranno sconti.

A tenere banco ancora la questione ‘dinastica’ del Pd: “Abbiamo fatto una campagna per le Regionali demotivati, è stata deprimente. Non vogliamo più che vada così. Chi ci rappresenta deve davvero stare sul territorio. Ultimamente non è più stato così”. Basta con le candidature dinastiche!”, ha argomentato una volta di più Renzo Bufalino : “Qui dentro c’è il Partito democratico non Sicilia Futura”

Il dibattito sulle liste e sulla composizione che dovrà in un modo o in un altro valorizzare i territori, è passato dalle riflessioni  di Magda Culotta, sindaco di Pollina e parlamentare nazionale,  di Antonio Rubino e Teresa Piccione.

La nuoa linea di demarcazione con il futuro dei dem la traccia nel suio inmtervento Antonello Cracolici:“Cosa sarà il Pd dopo queste elezioni? Ricordiamoci che dobbiamo ricostruire un partito senza farci attraversare dagli altri”

Senza annessioni e senza perimetri troppo stretti dunque,  è da assemblare la proposta dei democrat con Cracolici che cavalca la battaglia dei territori senza personalizzarla, facendone la cifra di una rivendicazione sopra le parti.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.