Condividi
Fronte del porto

Messina, quel che resta della Fiera: uno scenario bellico, una “fera” agonizzante

mercoledì 30 Novembre 2022
Acqua limpida e placida, il cielo grigio, la lupa ovatta i rumori e rende quasi invisibile la linea di costa, la rema è quella giusta.
Condizioni ideali e promettenti per una pesca abbondante, la barca scivola senza fare onda mentre le lenze innescate e appena calate mi dicono che c’è pesce.
Ma le toccate sugli ami spariscono all’improvviso come se qualche predatore si stia aggirando tra i banchi di pesce spaventandoli e costringendoli a spostarsi.
Tonni, immagino, mi arrabbio perché ho lasciato la canna da traina a terra ma capisco immediatamente che non sarebbe servita perché poco dopo salta fuori dall’acqua un delfino e poi ancora uno, e ancora molti di più facendo schizzi e sbuffi. I delfini mettono di buon umore coinvolgendo nel loro gioco chiunque assista alle loro evoluzioni.
Tutti o quasi; un vecchio pescatore a poche decine di metri dalla mia barca sembra non gradire, inizia a urlare e bestemmiare: “ buttana da fera”, grida sbattendo la barra del timone sulla base di uno scalmo.
La fera che gli ha fatto scappare le prede, forse impaurita dal rumore sordo dei colpi, è sparita anche lei insieme al suo branco.
Improvvisamente la calma, anzi il vuoto e il silenzio. Il vecchio si calma e riprende in mano i mestieri per la pesca.
Io rimango a guardarlo, infastidito dalla sua reazione spropositata e violenta.
Ma in fondo, penso, non sono un pescatore e vado in mare per diletto, lui invece lo fa per sopravvivere e forse ha ragione ad arrabbiarsi.
Comprendo perché un animale così simpatico come il delfino, e che qui si fa nemico, avversario nella competizione per il cibo, diventa la Fera.
Fera o Fiera, rimanda la memoria alla Commedia, all’orrida lonza.
Fera o Fiera… il diradarsi della lupa, un raggio di sole illumina il porto, questa vista improvvisa mi fa associare i pensieri: la fiera appare così com’è distesa sulla riva.
Un animale agonizzante spiaggiato, il ricordo sbiadito di fasti del passato nelle architetture dei padiglioni e del portale, disegnati da grandi nomi del razionalismo.
Un quartiere abbandonato all’incuria e che negli ultimi anni è diventato uno scenario post bellico. La demolizione dell’ex Teatro non ha fatto che rafforzare l’idea che quell’area non appartiene più alla città e ai suoi cittadini, privati dello spazio ma anche della capacità di dettare la linea per una azione di riqualificazione e restituzione. L’area più pregiata del lungomare (bando all’odiosa definizione di waterfront) rimane nelle competenze e nei poteri dell’autorità portuale. Viene da chiedersi perché un ente che si chiama portuale debba continuare a decidere come gestire porzioni di territorio che di “portuale” non hanno proprio nulla.  E non serve ai messinesi nemmeno provare a farsi ascoltare, specie se l’Adsp dopo aver messo in moto un percorso partecipativo e aver raccolto decine di sollecitazioni e suggerimenti, continua a fare (niente) e disfare (tanto) senza render conto a nessuno sulle linee di indirizzo che darà ai progettisti per il concorso di ridisegno del tratto Boccetta-Annunziata.
Oggi sappiamo che un noto professionista ha ricevuto l’incarico per fare una prima operazione di pulizia, sempre in attesa del concorso di progettazione.
Quindi, forse, per la prossima stagione estiva i messinesi potranno riprendere a passeggiare nei viali ma sempre tra edifici inagibili e spazi non gestiti.
Ma non si poteva fare due anni fa?
“Tempu persu e filu cassariato”!
Nella scarsa visibilità dovuta alla lupa riecheggiano dichiarazioni e comunicati stampa che con toni trionfalistici affermano che l’area sarà presto nuovamente fruibile. Ma perché non si è trovata una soluzione per consentire la prosecuzione dei lavori di restauro dei padiglioni vincolati?
L’impresa che aveva vinto l’appalto, se messa nelle condizioni di lavorare, oggi avrebbe già completato e restituito opere di pregio alla loro funzione originaria.
Invece sì è deciso di non far nulla rimandando tutto a tempi indefiniti; non è stata bandita una nuova gara e considerati i tempi necessari per espletarla e poi riconsegnare i lavori, la certezza è che ci vorranno anni per cancellare anche questa brutta storia.
Anni persi. In un mondo che viaggia ad alta velocità, altre città e territori che continuano a crescere recuperando il proprio patrimonio e mettendolo a reddito, sono la più chiara dimostrazione che perdiamo tempo, tanto.
Forse serve un cambio di scenario, il cambio di paradigma che sta nell’individuazione di responsabilità e nell’affidamento totale delle competenze sulle aree urbane al Comune, ai rappresentanti del popolo che amministrano la Città.
Perché un ente con una missione specifica, a capo del quale c’è un tecnico straniero nominato da Roma, quindi non eletto da nessuno, deve continuare a occuparsi e decidere per noi?
La risposta, troppo ovvia e scontata per essere data senza interrogarsi sulla nostra memoria, su di una coscienza collettiva sopita e ormai indefinita.
Abbiamo perso l’orgoglio di essere i figli di Dicearco, di Antonello, di Juvarra, di Maurolico e di tanti altri illustri messinesi, filosofi, artisti, architetti, giuristi, storici, scrittori e scienziati, mercanti, industriali, armatori, costruttori.
Vabbè, mi dico, basta far galoppare i pensieri a briglie sciolte.
Non è questo il momento e nemmeno il modo per dare una mano, per contribuire a cambiare direzione.
Certo se tornasse un messinese alla guida dell’Autorita portuale…
La lupa si è diradata, il sole splende e si è alzato il vento di canale, ventu cavaleri.
Salpo le lenze e guardo i pesci sul fondo du bagghiolu, metto in moto prua sullo scaro, soddisfatto e ottimista torno a terra.
Placido Sauro
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.