Condividi
Gli interventi

Palermo, operazioni per il controllo della movida: sanzioni fino a diciannovemila euro

domenica 16 Giugno 2024

In attuazione delle direttive del Ministro dell’Interno e sulla base delle strategie di intervento condivise in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, anche nel corso di questo week end, sono proseguiti i servizi straordinari di controllo del territorio collegati al protocollo di sicurezza denominato Alto Impatto”.  Nel corso delle operazioni sono state schierate aliquote di unità operative garantendo, attraverso il personale della Polizia di Stato, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, coadiuvato da personale dell’Asp, ognuno per i settori di competenza, una significativa presenza sul territorio.

In particolare i servizi si sono dispiegati lungo ed attorno agli assi viari di via Spinuzza, piazza Olivella e via Matera, itinerari particolarmente frequentati da astanti  e caratterizzati dalla presenza di esercizi dalla diversificata offerta commerciale.

Le zone sono state presidiate capillarmente, così da rendere tangibile il senso di sicurezza in un’area ove l’alta densità di siti turistici rischia di attirare anche malintenzionati inclini a reati predatori.

Durante quest’ultimo fine settimana, ben otto gli accessi ispettivi effettuati in relazione ad altrettanti locali. In cinque di essi sono state riscontrate irregolarità e violazioni che hanno comportato e comporteranno sanzioni amministrative per un importo complessivo che sfiora i 19.000,00 euro.

Particolarmente gravi le violazioni riscontrate nel contesto di un controllo effettuato ad un esercizio / pizzeria in zona Spinuzza: somministrazione senza Scia, occupazione con tavolini di ampia e non prevista porzione di suolo pubblico, riscontrata non conformità,  carenze igienico sanitarie e mancato aggiornamento del manuale Haccp .

A seguito di un secondo controllo, sempre in zona Spinuzza, è stata contestata la realizzazione di piccolo intrattenimento musicale senza autorizzazione, l’occupazione di suolo pubblico e l’alta emissione acustica all’esterno del locale. Oltre alle sanzioni amministrative è scattato in questo caso il sequestro temporaneo di mixer e casse acustiche.

Ai titolari di altri due locali di zona è stata, invece, contestata l’omessa verifica periodica del registratore di cassa.

Infine, diverse irergolarità contestate anche al titolare di un pub non distante da piazza Fonderia: occupazione di suolo pubblico, mancata conformità al regolamento Dehors, violazione del manuale di autocontrollo Haccp e presenza di un ambiente cucina non contemplato nella richiesta di registrazione Scia. Complessivamente, soltanto nel corso dei servizi svolti in centro a Palermo, sono state identificate 189 persone e controllati 39 mezzi.

Parallelamente all’attività ispettiva nella zona del centro città, la Polizia di Stato ha provveduto a presidiare capillarmente anche la borgata marinara di Sferracavallo, presa d’assalto con i primi caldi da bagnanti e turisti. Attraverso posti di controllo e passaggi lungo le arterie più frequentate, nel corso dell’ultima settimana, sono state identificate 121 persone, e controllati 87 mezzi, effettuate 21 contestazioni al codice della Strada, ritirate 3 carte di circolazione ed effettuato il fermo amministrativo di un mezzo.

Analogamente, sempre a cura della Polizia di Stato, si è proceduto in provincia, lungo le strade di Bagheria e S.Flavia. In quest’ultimo caso sono state identificate 118 persone, controllati 64 veicoli, elevate 8 contestazioni al Codice della Strada, effettuati 2 sequestri amministrativi ed un fermo di autoveicolo. I servizi di controllo del territorio ad “Alto Impatto” proseguiranno nel corso delle prossime settimane.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.