Condividi

Rap, Concetta Amella (M5S): “Vasche a Bellolampo sature nel 2018 e rischio di aumento della Tari”

martedì 19 Settembre 2017

La RAP, l’azienda di raccolta dei rifiuti di Palermo, nata dalle ceneri dell’Amia, è nuovamente al centro delle polemiche. Teatro dello scontro la III commissione consiliare, dove è stato ascoltato il presidente dell’azienda Roberto Dolce, sullo stato di salute dell’azienda.

A puntare il dito nei confronti della gestione aziendale è la consigliera comunale, Concetta Amella (Movimento 5 Stelle), con un post di fuoco sui social. Proprio in commissione consiliare sono stati posti alcuni quesiti ai vertici dell’azienda: dai servizi di cui si occupa alla raccolta rifiuti urbani alla differenziata, dallo spazzamento alla derattizzazione, dalla disinfestazione alla manutenzione della strade e alla pulizia delle sedi giudiziarie. Così come le carcasse di frigoriferi, i materassi, i divani e gli oggetti ingombranti abbandonati ciclicamente e quotidianamente sui marciapiedi o nei pressi dei contenitori. Ma soprattutto sul rischio  di saturazione delle vasche e di un possibile aumento delle Tari (la tassa sui rifiuti urbani).

Anche i sindacati non si sono mostrati teneri con l’amministrazione comunale su questo versante. Da tempo hanno disotterrato l’ascia di guerra. L’accusa è che la RAP “non ha ancora messo mano alla revisione del contratto di servizio e che la stessa sopravviverebbe con le identiche risorse economiche dell’ex municipalizzata”. Come la consigliera ha messo in rilievo nella sua dichiarazione.

“La RAP costa 114 milioni di euro l’anno – afferma la consigliera grillina sulla sua pagina FB -. Di questi almeno l’80 per cento è destinato al personale che però non è in esubero e che costituito di ben 1.900 unità, di cui 150 sono inidonei temporanei per 3 anni (qualche anno fa, erano almeno il doppio). Cinque milioni, invece, sono gli euro che ogni anno si spendono per smaltire il percolato di Bellolampo a Catanzaro, piuttosto che depurarlo nell’area della discarica di Palermo”.

Questo avviene, come risposto dallo stesso presidente Roberto Dolce e come cita la consigliera Amella: “perchè la vasca non è sufficiente ad accogliere tutto il percolato che si autoproduce”.

“La raccolta differenziata dei rifiuti supera il 16 per cento. E sono invece 1.300 le tonnellate gestite al giorno, ma solo 900 potrebbero essere accolte. Se consideriamo poi che a Bellolampo conferiscono anche i rifiuti dei comuni dell’area metropolitana”. 

“La VI vasca, stando alle previsioni rosee del Presidente – afferma ancora Concetta Amella – dovrebbe raggiungere il massimo grado di saturazione nel marzo del 2018 con un’ulteriore maggiorazione della Tari. Ma perché? Questo vorrà dire portare altrove i rifiuti da smaltire. Due le destinazioni più probabili: l’OIKOS di Catania che ha capacità di trattamento, ma non di capienza e il trasporto TRANSFRONTALIERO. L’aumento del costo della tassa dei rifiuti che i cittadini pagano, dovrebbe così sfiorare il 60 per cento”.

Nel corso dell’audizione in commissione, si è anche parlato di una settima vasca per la cui realizzazione servono almeno 30 milioni di euro che dovrebbe stanziare la Regione Siciliana e il cui progetto fa parte del “piano triennale delle opere pubbliche”, atto proprio in discussione in questi giorni in consiglio comunale, da realizzare probabilmente entro l’anno prossimo.

“Perché non si è pensato prima visto che il progetto risale al 2014?” – continua ancora l’esponente pentastellata. –
E sulla pulizia di Brancaccio lancia ancora una stoccata: “Sapevate che ogni qualvolta la RAP decide di occuparsi dello smaltimento o della raccolta rifiuti di Brancaccio, per non citare qualche altra zona della città, fa un’operazione di pulizia straordinaria?”.  Secondo la pentastellata “Brancaccio è un’area privata che appartiene all’IRSAP (azienda in liquidazione della Regione Siciliana), che non ha nessun rapporto di convenzione con il Comune e, quindi, la RAP non sarebbe tenuta a curarne l’igiene”.

Affermazioni che certamente creeranno un vespaio di polemiche, in una città dove la questione rifiuti è la spina nel fianco del sindaco Orlando, che ha già preannunciato il rinnovo, in tempi brevissimi, dei vertici delle aziende partecipate. E quindi anche della RAP. Il presidente Roberto Dolce è avvisato.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Lombardo a Bar Sicilia: “Autonomia sfida da cogliere, con la Lega patto federativo” CLICCA PER IL VIDEO

Dall’autonomia differenziata ai precari equilibri tra partiti. Ospite della puntata di Bar Sicilia è l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, fondatore e leader del Movimento per le autonomie

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.