Condividi
L'undicesima giornata

TeLiMar show a Napoli, quarto posto consolidato per i palermitani e sigillo sulle “prime sette”

sabato 2 Dicembre 2023

Ha sfoggiato il suo miglior abito il TeLiMar oggi a Napoli, assediando da corsaro la Scandone. Se i ragazzi di Baldineti avevano sottovalutato il Camogli non si sono fatti trovare impreparati con il Posillipo. Il club dell’Addaura vince così 8-15 uno degli scontri più importanti, in ottica classifica, in questa parte di stagione. Tre punti di peso che hanno permesso di mettere il sigillo sulle prime sette.

Prestazione impeccabile per i palermitani che hanno condotto il match dall’inizio alla fine per poi spiccare il volo nella terza frazione. Da segnalare i ben 9 diversi marcatori andati a segno, tra cui Hooper, con quattro gol, e Giorgetti, Lo Cascio e Woodhead, con due. Merito anche a Jurisic, protagonista con decisive parate che hanno tenuto a distanza di sicurezza i napoletani.

Ottimo avvio per il TeLiMar. Difesa attenta e compatta e fase offensiva lucida e veloce. Il Posillipo soffre le ripartenze dei palermitani che si portano subito in doppio vantaggio con Vitale e Giorgetti. La manovra offensiva palermitana perde intensità lasciando spazio ai campani, Jurisic risponde ai colpi dei padroni di casa ma si arrende al tiro dai cinque metri di Cuccovillo. A chiudere la prima frazione ci pensa Lo Dico: 1-3.

Ad apertura del secondo tempo il club dell’Addaura allunga sul +3 con Hooper. Piccolo momento sottotono per i palermitani, la squadra di Brancaccio ne approfitta e lima lo svantaggio, portandosi sul -1 grazie a Somma e Mattiello. Capitan Lo Cascio ristabilisce il distacco che si protrae fino al termine della frazione, nonostante le reti di Saccoia e Fabiano: 4-6.

Al rientro dall’intervallo lungo subito rigore per il Posillipo che mette a segno il quinto centro di giornata con Somma. Nessuna preoccupazione. Il TeLiMar resta ancora in partita e anzi allunga di carattere con le reti di Hooper, Giorgetti, Giliberti e Woodhead. Al fischio finale Occhione sorprende l’estremo difensore avversario fuori dai pali e con un delizioso tiro dalla propria metà campo insacca il 5-11.

Nell’ultimo quarto la musica non cambia e il match è già chiuso. Cuccovillo riapre le marcature, poi il tempo si protrae con un botta e risposta che mantiene invariato il distacco del TeLiMar, fino alla rete decisa di Hooper che mette fine ai giochi: 8-15.

I siciliani aggiungono così un importante mattoncino, consolidando il quarto posto e lasciando alle spalle Ortigia e Trieste. Ora testa alla Len Euro cup e alla sfida da dentro o fuori, valida per la qualificazione agli ottavi, contro i francesi del Tourcoing.

A fine gara, ha commentato a caldo il match, Jurisic, tra i migliori in acqua: “E’ il gioco di Gu e lo facciamo da anni. Abbiamo avuto un periodo difficile ma ora siamo tornati in forma. E’ un momento importante della stagione, con un filotto di partite prima di Natale che speriamo di vincere“.

Il portiere ha espresso tutta la sua gioia per il traguardo tagliato dalla squadra: “Il nostro obiettivo era arrivare tra le prime sette. Non era facile. Abbiamo iniziato la stagione con tanti giocatori nuovi e giovani. Ora abbiamo i francesi mercoledì, poi il campionato con Pro Recco e Roma. Speriamo di passare il turno“.

A mettere maggiormente in difficoltà il Posillipo è stata la zona a M, di cui il tecnico Baldineti ha rivendicato la paternità: “Questo tipo di zona M l’ho inventata io, con i due difensori accanto al centroboa. Sono d’accordo che può rappresentare un limite nei settori giovani ma tra i professionisti può rivelarsi un’arma in più. Bisogna fare il meglio con quello che si ha, così giochiamo più di squadra che l’1vs1“.

Non sono mancati ovviamente i complimenti per i suoi ragazzi: “Sono stati bravissimi, perfetti in superiorità ma anche nelle occasioni di uomo in meno. Il Posillipo era in un grande momento e nonostante abbiano giocato una buona partita non sono riusciti a fare tanti gol“.

Il mister ha sottolineato la grande attenzione nel preparare “la sfida nei minimi dettagli, ma la differenza in queste partite difficili la fanno come sempre i giocatori. Avevano tutti voglia di vincere dopo la prestazione non esaltante contro il Camogli. Volevamo chiudere il discorso per entrare tra le sette che andranno al Round Scudetto. Sono molto contento per il carattere che hanno mostrato, quando, sulla carta, avrebbe dovuto essere una partita punto a punto, di grande equilibrio tra due squadre che più o meno si equivalgono. I ragazzi credono sempre di più nei propri mezzi e questo è fondamentale in vista del match con i francesi”.

Vincere oggi ci ha assicurato il passaggio matematico ai play off. Adesso, non dobbiamo stare attenti a cosa fanno gli altri e possiamo concentrarci su di noi, per arrivare quanto più in alto possibile. Abbiamo giocato bene, tranquilli fino alla fine e questo è positivo, soprattutto in vista di mercoledì. Il gioco di squadra ha premiato e lo dimostrano i tanti giocatori andati a segno. Ma è stata una partita consistente in particolare in difesa, con Egon Jurisic che ha disputato la sua miglior prestazione di quest’anno. Corsi e ricorsi, è strano, ma anche l’anno scorso qui contro il Posillipo ci siamo esaltati” ha invece commentato Vitale.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.