Condividi

Terrorismo pro-Isis e immigrazione clandestina, 15 arresti fra Palermo, Trapani e Caltanissetta | VIDEO

mercoledì 9 Gennaio 2019

Guarda il video in alto con le immagini registrate dai profili Facebook degli arrestati

Sono quindici le persone arrestate dai Carabinieri del R.O.S. di Palermo, che stamattina all’alba hanno eseguito l’ordine di custodia cautelare nelle province di Palermo, Trapani, Caltanissetta e Brescia, su disposizione della Dda del capoluogo siciliano.

Gli arrestati, sono quasi tutti tunisini, ma c’è anche un marocchino e due palermitani: nei loro confronti le accuse sono di istigazione a commettere delitti in materia di terrorismo, associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, ingresso illegale di migranti nel territorio nazionale ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria.

Il capo dell’organizzazione, un tunisino, istigava al terrorismo, invocava la morte in nome di Allah e faceva apologia dello Stato islamico. Sul suo profilo Facebook sono state trovate video e foto che inneggiavano all’Isis e con immagini di decapitazioni. Sul social video di esecuzioni e di propaganda per andare a combattere in Siria.

L’organizzazione criminale gestiva viaggi a bordo di natanti veloci di piccoli gruppi di migranti tra la Tunisia e l’Italia. Per arrivare in Sicilia dalla Tunisia si sarebbe pagato circa 1.500 euro, mentre chi era ricercato nel Paese nordafricano per vari reati (anche legati al terrorismo), avrebbe pagato fino al doppio.

A far prendere le mosse all’indagine un pentito che detenuto a Genova avrebbe detto agli inquirenti di voler collaborare con la giustizia per scongiurare che ci si ritrovi in Italia un esercito di kamikaze pronti a farsi uccidere. Molti fra gli arrestati vivono fra Marsala, Palermo, Erice e Piana degli Albanesi, in provincia di Palermo. Le indagini sono coordinate dal procuratore aggiunto Marzia Sabella e dai sostituti Gery Ferrara e Claudia Ferrari.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

Questi i fermati su ordine della Dda di Palermo che ha scoperto una organizzazione criminale che gestiva viaggi di migranti tra la Tunisia e la Sicilia: Monti Ltaief, 47 anni, tunisino, Aymen Ouafi, tunisino, 34 anni, Noureddine Jallali, tunisini, 47 anni, Mohamed El Kouch, marocchino, 29 anni, Hassen Fadhlaoui, tunisino, 27 anni, Michele Mercurio, palermitano, 62 anni e Salvatore Sutera, palermitano, 56 anni.

Altri sette indagati risultano latitanti.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.