Condividi

Messina, il centrodestra frena su Matilde Siracusano sindaco. Ipotesi Germanà?

sabato 26 Febbraio 2022

Messina- Nel centro destra c’è chi ha alzato il freno su Matilde Siracusano candidata sindaca C’è chi corre per battere gli altri sul tempo. E chi fa il nome di Nino Germanà.

CATENO CORRE….IN OPEL

Da quasi sette giorni Cateno De Luca fa da autista al candidato sindaco Federico Basile a bordo di un’Opel Corsa “datata” sfruttando il vantaggio sui competitor di entrambe le coalizioni fermi ai box. L’ex sindaco ha già schierato successore, lista principale, primi nomi anche nei quartieri e da lunedì avvia il casting per transfughi, delusi, folgorati sulla via di Damasco e neofiti.

 

Lui corre e dall’altra parte non si è neanche alla pre-tattica. Scartata l’ipotesi del tutti contro uno le due coalizioni sono ancora alle premesse, muovendosi alla velocità dei bradipi e contando sulla forza delle liste che si formeranno.

CENTRODESTRA AI BOX

Il centro destra è leggermente più avanti ai nastri di partenza, perché quantomeno i nomi dei candidati alla poltrona di sindaco già ci sono. L’idea è quella della compattezza su un nome che abbia il placet di tutta l’area e calzi a pennello anche con il puzzle complessivo: Comune di Messina, Comune di Palermo, Presidenza della Regione.

LA RIUNIONE DELLA LEGA

Gli unici a battere un colpo sono stati gli esponenti della Lega che ieri si sono riuniti in quel di Furci per fare il punto della situazione, alla presenza del coordinatore regionale Nino Minardo. Un primo incontro per parlare intanto di lista, alla presenza di Matteo Francilia, dei deputati Antonio Catalfamo e Nino Germanà,  dei coordinatori Nino Beninati, Daniela Bruno e dei consiglieri comunali Dino Bramanti, Giovanni Caruso, Giovanni Scavello, Giuseppe Schepis.

I riflettori sono puntati su Roma e sul definitivo chiarimento sul nome del candidato alla Presidenza della Regione che a catena innesca le candidature nelle altre caselle in una logica di alleanza.

Matilde Siracusano
Matilde Siracusano

Nel frattempo però sul nome della parlamentare azzurra Matilde Siracusano, finora in pole position con un gradimento pressocchè unanime, si registra una frenata. Sembra infatti che nei confronti della deputata che lo stesso Cateno De Luca vede come temibile rivale per Palazzo Zanca, non ci sia alcun entusiasmo da parte di un’area del centro destra, quella che fa riferimento a Genovese.

 

 

 

L’UDC

Ecco che da giorni circolano indiscrezioni su altri possibili nomi, al di fuori di Forza Italia. Se l’Udc che sta ricostruendo una base forte in città per poi guardare alle regionali punta su una candidatura civica come quella dell’avvocato Antonio Barbera (presidente del circolo tennis e vela), è in Fratelli d’Italia che si stanno cercando alternative alla parlamentare che più di ogni altro ha riportato Messina all’attenzione del governo nazionale.

FRATELLI D’ITALIA

Forti del vento in poppa del sondaggio Demopolis che indica Fratelli d’Italia (con l’ingresso di Diventerà Bellissima) primo partito in Sicilia, gli esponenti del partito i nomi li hanno. In campo non c’è soltanto l’ex sindaco di Messina Giuseppe Buzzanca, ma nelle ultime ore trapelano nomi vicini a Musumeci. La nomina del commissario Santoro, che appena insediato non ha risparmiato critiche all’ex sindaco De Luca, viene vista come una sorta di anticipazione del fatto che il governatore non ha dimenticato gli ultimi due anni di attacchi.

IPOTESI GERMANA’

forza italia
Nino Germanà

Ma in salita ci sono le quotazioni di Nino Germanà, attuale parlamentare della Lega, eletto alla Camera con Forza Italia. In realtà Germanà vorrebbe tornare alla Regione schierandosi nuovamente alle elezioni d’autunno, puntando anche ad un ruolo di assessore. Nel 2017 rimase fuori, terzo in lista dopo Luigi Genovese e Tommaso Calderone. Il suo pallino fisso è il contatto con il territorio e sarebbe proprio questo il punto in cui è stato solleticato per scendere in lizza alle amministrative di maggio.

 

 

Nella Lega sono pronti anche a spendere il nome di Nino Beninati, ex deputato Ars, ex assessore regionale e, come Germanà, tra i fondatori di Forza Italia a Messina.

E in fondo anche la stessa Matilde Siracusano, che preferirebbe continuare il percorso portato avanti finora alla Camera, sarebbe più che d’accordo.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.