Condividi

Natale tra i rifiuti: l’emergenza infinita a Palermo, puntuale ogni anno

lunedì 24 Dicembre 2018
rifiuti Villa Tasca

Le previsioni sono state (purtroppo) rispettate. Anche quest’anno a Palermo la cartolina per turisti e cittadini è sempre la stessa: una città sporca, invasa di spazzatura in molti quartieri, proprio durante le festività Natalizie.

Pochi giorni fa nel quartiere Villa Tasca (LEGGI QUI) si era alzato il grido di allarme e il “rischio emergenza sanitaria” per le strade della zona di viale Maria SS. Mediatrice. Montagne di rifiuti accatastati e non raccolti dalla RAP.

rifiuti Villa TascaSarà, quindi, un altro Natale con i rifiuti nel Capoluogo siciliano. Un’emergenza infinita, mai risolta del tutto, e che si ripresenta puntuale ogni anno a ridosso delle feste comandate. “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”, diceva il Divo Giulio.

Chissà cosa ne pensa il sindaco Leoluca Orlando, al suo quinto mandato (non consecutivo), da oltre vent’anni alla guida di Palazzo delle Aquile.

E dire che le avvisaglie c’erano tutte. In Consiglio comunale c’era chi aveva ampiamente previsto questo ennesimo Natale tra la munnizza. Non tanto per i soliti guasti ai mezzi, quanto per i ritardi nel pagamento di stipendi e tredicesime agli operai Rap. Se non si sbloccano gli emolumenti, è facile prevedere l’ostruzionismo dei lavoratori: Natale e Santo Stefano potrebbero essere l’apice dell’emergenza.

Orlando pensieroso

Venerdì scorso, con un comunicato stampa, la Giunta Orlando dichiarava di aver «adottato un provvedimento con immediata esecuzione che ha sbloccato l’anticipazione di cassa necessaria per il trasferimento di fondi alla società partecipata RAP. La relativa documentazione è stata immediatamente trasmessa alla Banca per l’esecuzione del pagamento». 

«Il Comune – proseguiva il sindaco – ha dovuto anticipare nel corso dell’anno milioni di euro di competenza statale, ma oggi facciamo un ulteriore sforzo per garantire i lavoratori dell’azienda e i servizi per i cittadini». Urgente a Piazzetta Cairoli, sede amministrativa della RAP, una riorganizzazione aziendale.

I lavoratori “col mal di pancia”, uniti alla inadeguatezza della macchina burocratica, più l’immortale inciviltà di tanti palermitani, tengono dunque sotto scacco la quinta città d’Italia.

A cominciare dal divieto di conferimento domenicale, ignorato dalla stragrande maggioranza dei cittadini, che non fa che aumentare l’arretrato. Le discariche abusive di ingombranti poi, completano il triste quadro.

Gli ultimi giorni da “Capitale Italiana della Cultura 2018” oppure “Capitale italiana della munnizza e dell’inciviltà”? 

 

LEGGI ANCHE:

“Emergenza sanitaria a Palermo”, quartiere Villa Tasca sommerso dai rifiuti | FOTO

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Assessore Messina: “Maggio 2023, siciliani alle urne. Province? Legge entro l’anno e voto nel 2024” CLICCA PER IL VIDEO

L’assessore regionale alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica, Andrea Messina è l’ospite della puntata 226 di Bar Sicilia. Intervistato da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Messina ha parlato di diversi argomenti tra cui le prossime amministrative siciliane, dei tempi necessari al ripristino delle ex Province, delle difficoltà in cui versano i Comuni e delle…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.