Condividi
La nota

Parità di genere: le donne della Cgil, Cisl e Uil al governo regionale: “Servono norme e strumenti”

lunedì 1 Luglio 2024
Gabriella Messina
Gabriella Messina

Cgil, Cisl e Uil Sicilia chiedono al governo regionaletrasparenza” nell’iter per la selezione della nuova consigliera regionale di parità. E all’Ars di varare norme a supporto dell’attività della consigliera e di dedicare una sessione di lavori parlamentari alla condizione della donna in Sicilia.

Le richieste in una nota a firma Gabriella Messina ed Elvira Morana (Cgil), Rosanna Laplaca (Cisl), Luisella Lionti e Vilma Costa (Uil) inviata alle assessore del governo regionale Albano, Volo, Amata e Pagana, alle deputate regionali e a tutti i componenti dei gruppi parlamentari. Le rappresentanti sindacali lanciano un appello affinché le loro richieste mirate a combattere le discriminazioni abbiano il massimo del sostegno in sede istituzionale, nel mondo delle associazioni, nella società civile. I sindacati chiedono, in particolare, il riconoscimento di un’indennità economica e dei permessi a sostegno dell’attività della consigliera. “Non prevedere tali strumenti – dicono le sindacaliste – significa non volere agevolare l’azione della consigliera confermando scarsa attenzione alla condizione generale della donna e specificamente a quella nel mercato del lavoro e disattenzione riguardo agli strumenti per il contrasto alle discriminazioni”.

Le esponenti di Cgil, Cisl e Uil ricordano l’ampio ventaglio di funzioni della consigliera, fino ad oggi non pienamente esercitate: dalla rilevazione delle situazioni di squilibrio di genere con la promozione di conseguenti azioni positive, per citarne alcune. Alla consigliera è riconosciuto l’accesso al rapporto biennale che le aziende con più di 100 dipendenti sono obbligate a redigere ogni due anni. “Siamo alla seconda redazione – rilevano Cgil, Cisl e Uil – senza che in Sicilia ci sia stata una lettura sul quadro regionale della condizione delle donne nel mondo del lavoro. E’ evidente – sottolineano – la scelta del governo regionale di lasciare la nostra regione nella totale arretratezza, senza neanche volere mettere a frutto quanto tracciato anche dal Pnrr per colmare i divari di genere e senza la definizione della strategia regionale di genere che da tempo sollecitiamo per contrastare le discriminazioni nel mondo del lavoro Chiediamo una inversione di rotta”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.