Condividi

Uccise il fratello e simulò caduta da balcone, arrestato

sabato 6 Febbraio 2021
carabinieri
Immagine di repertorio

Avrebbe ucciso il fratello, probabilmente con un violento colpo contundente alla testa, simulando una sua caduta da un’altezza di cinque metri dal balcone di casa.

E’ l’accusa contestata dalla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), guidata da Emanuele Crescenti, a un romeno di 25 anni, Tiberius Stelian Apetroaei, che è stato arrestato da carabinieri.

Il presunto reato sarebbe l’omicidio aggravato del fratello Ciprian Catalin, commesso il 19 maggio 2019 nella contrada messinese di Femminamorta. Nei confronti di Apetroaei i militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip.

Era stato l’indagato a denunciare il trovamento del corpo senza vita del fratello che aveva accompagnato a casa da un bar dove la vittima aveva avuto un diverbio con altri clienti e dove avrebbe dimenticato il cellulare. L’arrestato, secondo la sua ricostruzione, sarebbe tornato nel locale per prendere il telefonino del fratello e al suo ritorno a casa avrebbe trovato il fratello morto, per poi chiamare il 112.

Una dinamica che non ha convinto la Procura, a cominciare dagli esiti degli esami medico legali: la causa del decesso è stata collegata a un grave trauma cranico con fracasso craniofacciale causato da un oggetto di ingente peso e dotato di elevata energia cinetica – si legge nel referto -, verosimilmente orientata dall’alto verso il basso”. Inoltre, il corpo non presentava le tipiche lesioni da caduta, ma aveva escoriazioni da ‘trascinamento’, come se fosse stato spostato.

Infine le indagini svolte dai carabinieri hanno fatto emergere altre contraddizioni anche sulla tempistica della ricostruzione dell’evento fornita dall’uomo, che è stato arrestato e portato in carcere.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, differenziata: il futuro di Rap tra porta a porta e raccolta di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Traghettare Palermo verso il futuro attraverso una nuova visione della raccolta differenziata dei rifiuti. È l’obiettivo di Rap, l’azienda partecipata del Comune, rappresentata dall’amministratore unico, l’ingegnere Girolamo Caruso

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.