Condividi

Terremoto in Forza Italia, Falcone si dimette dal comitato per le primarie: “In molti non le vogliono”

martedì 14 Marzo 2017
marco falcone

Marco Falcone sbatte la porta e si dimette da coordinatore del comitato per le primarie del centrodestra, che in teoria dovrebbero tenersi il prossimo 23 aprile. Il capogruppo di Forza Italia ha preso carta e penna e ha motivato la propria rinuncia, con fatto che nel suo partito vi sarebbero ampi settori contrari alle primarie. E in prima istanza, lo stesso Silvio Berlusconi, che di far allestire i gazebo in Sicilia non ne vuole sapere.

Marco Falcone“Prendendo atto che ad oggi in Forza Italia, partito di maggioranza della coalizione di centrodestra – afferma Falcone – vi sono ampie opinioni discordi sulla scelta del sistema delle primarie per la designazione del candidato presidente alle prossime elezioni regionali, non posso più adempiere al mandato di coordinatore del Comitato organizzatore a cui mi avevate nominato”.

“In effetti, malgrado abbia ricevuto espresso incarico dal commissario regionale di Forza Italia, Gianfranco Micciché, in varie occasioni e, in particolare, nella riunione ufficiale del tavolo politico con gli alleati, tenutosi il 13 febbraio, presso la sede Ars di FI, ritengo indispensabile un necessario approfondimento della questione, particolarmente dibattuta, sia a livello nazionale che regionale – aggiunge – Onde evitare, quindi, possibili strappi all’interno della coalizione si ritiene opportuno che, per adesso, ogni determinazione sia rinviata”.

Bye bye primarie? Probabilmente sì, sicuramente la strada per i sostenitori dei gazebo è sempre più in salita.

 

Le dimissioni dell’On. Marco Falcone, capo gruppo di forza Italia in Ars, da coordinatore del comitato organizzatore delle primarie, per Giusi Savarino portavoce di #DiventeràBellissima sono un segnale preoccupante non solo per le forze politiche coinvolte, ma soprattutto per le migliaia di siciliani che in questi giorni, in queste ore, stanno partecipando con entusiasmo alla scelta democratica del candidato alla presidenza della Regione. I siciliani pretendono chiarezza sul percorso delle primarie, intrapreso con impegno da parte anche del commissario regionale di forza Italia Gianfranco Miccichè. Speriamo ancora che eventuali resistenze possano essere superate,  senza danneggiare la validità di un metodo di selezione democratica che ha coinvolto in un’ampia coalizione tutte le forze alternative a Crocetta”.

 

LEGGI ANCHE

Perché il centrodestra vuole perdere le prossime elezioni regionali?

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.