Condividi
Bontà siciliana

La Brioscia col tuppo: che bella invenzione

giovedì 9 Maggio 2024
Brioscia col tuppo

Oltre al “Grosso, grasso, matrimonio greco”, film ellenicocentrico, c’è, anche, il mio “Grosso, grasso, patrimonio siculo“, in cui non poteva mancare la “Brioscia col tuppo”che i francesi, al contrario di quanto si pensi, tradussero in “brioche“. Leggenda vuole che questa bontà sia nata in una nobile famiglia siciliana, dal nome ignoto, che desiderava qualcosa di morbido su cui spalmare la marmellata per la colazione. I croissants all’epoca non erano così diffusi e il cuoco realizzò, allora, questa soffice delizia che conquistò l’aristocratica stirpe e i frequentatori della casa, facendola diffondere e assurgere, in breve tempo, a una delle ricette tipiche della nostra isola.

Ma il tuppo quale origine ha?
Tuppo è il termine dialettale che indica la crocchia che si facevano le donne e continuano a farsi le ballerine. Quindi, se dal punto di vista culinario sono i francesi a doverci questa bella invenzione, dal punto di vista etimologico è l’opposto e, infatti, in normanno lo chignon si chiamava “toupin“, in gallico “toupeau” e nel francese moderno “toupet”, da cui il siciliano “tuppo“. C’è uno scioglilingua della nostra tradizione che racconta dell’amore tra due giovani ostacolato dalla madre della fanciulla, che aveva lunghi e serici capelli raccolti sulla nuca. Come atto di ribellione, per veder ostacolato il suo sogno, la giovane tagliò la sua dote, quella capigliatura che la rendeva irresistibile agli occhi di tutti e la madre, solo allora, impietosita da quell’atto forsennato per i tempi, acconsentì al loro fidanzamento. La forma della brioscia col tuppo, fateci caso, ha una base rotonda su cui poggia un’altra più piccola, che somiglia proprio a uno chignon, alla moda ancora oggi. Vi avevo già accennato a una filastrocca e adesso è arrivato il momento di farvela conoscere.

Cu lu tupu un t’appi, senza tuppu t’appi. Cu lu tuppu o senza tuppu , basta chi t’appi e comu t’appi t’appi”.

La brioscia tradizionale al posto del burro, che utilizziamo oggi, prevedeva lo strutto, che rendeva i dolci soffici, morbidi e fragranti. Andiamo alla ricetta.

Ingredienti

  • 600 g di farina
  • 1 uovo intero
  •  3 tuorli d’uovo
  • 170 ml di latte
  •  sale q.b.
  •  25 g di lievito di birra fresco (o 7 g di quello secco)
  •  80 g di burro ammorbidito
  • 100 g di zucchero semolato
  • la scorza grattugiata di mezzo limone
  • la scorza grattugiata di mezza arancia

Procedimento

1. Su una spianata ponete la farina a fontana e aggiungete al centro l’uovo intero, un pizzico di sale e i tuorli.
2. Impastate con le mani, unite il lievito e, poi, il latte.
3. Grattugiate la scorza di limone e quella di arancia, unite il burro ammorbidito e lo zucchero.
4. Fate amalgamare tutti gli ingredienti, lavorando l’impasto fino a quando non sarà diventato liscio e omogeneo.
5. Trasferitelo in una ciotola, copritelo con della pellicola trasparente e lasciatelo lievitare per un paio d’ore.
6. A questo punto, dividetelo in parti più piccole, lasciandone una parte da utilizzare per il tuppo.
7. Rendetele sferiche, ponetele su una teglia foderata di carta forno e, con l’impasto avanzato, fate delle piccole sfere e attaccatele alle basi, spennellandole con dell’acqua. Ricoprite tutto con altra pellicola trasparente e lasciate lievitare ulteriormente.
8. Quando saranno raddoppiate di volume, spennellatele con il tuorlo d’uovo e fate cuocere in forno a 180° per 20 minuti.
9. Le vostre Brioscie col tuppo sono pronte.

Oltre a riempirle col gelato o accompagnarle con la granita, provate con crema di ricotta e scaglie di cioccolato, oppure, per i palati che amano il salato, con formaggi e salumi: in questo caso, riscaldatele, per qualche minuto al forno.

Buona Brioscia col tuppo a tutti.

Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.