Condividi

Termini Imerese, avvelenò il marito: condannata a 30 anni va ai domiciliari

mercoledì 23 Febbraio 2022
Una immagine di Loredana Graziano. "Tu hai ammazzato tuo marito, lo hai avvelenato, lo hai fatto, lo hai detto e ora mi hai buttato nell'immondizia. Stai giocando con i miei sentimenti. Lo sai che hai fatto ? Che eri in pizzeria, eri incatenata e tutte queste cose non le potevi fare. E quel povero Cristo che lo hai avvelenato". E' una delle conversazioni choc che l'amante della donna accusata ieri di avere avvelenato il marito ha consegnato ai carabinieri, facendo riaprire le indagini sul decesso dell'uomo per anni creduto morto per un infarto. La donna, Loredana Graziano, Ë stata arrestata ieri grazie alle rivelazioni dell'ex.

Condannata a trent’anni di carcere per avere avvelenato il marito, va ai domiciliari perché ha una figlia di pochi mesi.

La sentenza è stata emessa stamane dal Gup del Tribunale di Termini Imerese Valeria Gioeli nei confronti di Loredana Graziano, 36 anni, accusata di avere assassinato il marito Sebastiano Rosella Musico, un pizzaiolo 40 anni. Il processo si è svolto con il rito abbreviato. L’omicidio risale al gennaio del 2019. La donna, che si è sempre professata innocente, secondo l’accusa avrebbe ucciso il marito somministrandogli cibi contenenti dosi di cianuro e di un anticoagulante, il Coumadin.

Inizialmente si era ipotizzato che il pizzaiolo fosse morto per un infarto. Le indagini dei carabinieri, coordinate dal Procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio, e l’autopsia eseguita sul corpo dell’uomo accertarono invece che era stato avvelenato. A dare una svolta alle indagini anche le dichiarazioni dell’ex amante della donna, che l’aveva accusata di avergli confidato di aver avvelenato il marito.

A spingerla sarebbe stata la voglia di cambiare vita e il desiderio di maternità, come emergeva anche da numerose intercettazioni. La donna, che frattanto ha avuto una figlia che ha pochi mesi, per questo motivo ha ottenuto dal giudice i domiciliari. Loredana Graziano è stata inoltre interdetta in perpetuo dai pubblici uffici e sospesa dall’esercizio della responsabilità genitoriale per tutta la durata della pena.

L’imputata è stata condannata anche al pagamento di una provvisionale esecutiva di 140 mila euro a favore dei familiari della vittima che si sono costituiti in giudizio assistiti dagli avvocati Salvatore Sansone e Salvatore Di Lisi. Il risarcimento sarà stabilito con un nuovo processo in sede civile.

I FAMILIARI DELLA VITTIMA

“Sono pochi 30 anni di carcere per un omicidio così brutale e premeditato”. I familiari di Sebastiano Rosella Musico, il pizzaiolo di Termini Imerese morto nel gennaio del 2019 dopo essere stato avvelenato dalla moglie, Loredana Graziano, non riescono ad accettare la sentenza nei confronti della donna che, tra l’altro, andrà ai domiciliari perchè ha una figlia di pochi mesi.

“Loredana ha assassinato mio figlio – dice la madre della vittima, Antonina Filicicchia -. Nessuna pena applicata dal giudizio degli uomini potrà restituirmelo ma il mio cuore di madre sarebbe meno affranto se la responsabile scontasse una pena adeguata alla sua condotta assurda e selvaggia”.

“Oggi per questo reato non sarebbe concesso il rito premiale del giudizio abbreviato – sottolineano gli avvocati Salvatore Sansone e Salvatore Di Lisi che assistono la famiglia -. Infatti con l’entrata in vigore della legge del 20 aprile 2019, il giudizio abbreviato non è più ammesso per i delitti puniti con l’ergastolo, come, ad esempio, il reato di omicidio aggravato o quello di sequestro di persona aggravato. All’epoca dei fatti, invece, era in vigore una norma che consentiva ancora il rito abbreviato per i reati puniti con la pena dell’ergastolo”.

“La battaglia per la tutela delle ragioni della famiglia Rosella Musico – concludono i legali – non finisce oggi, continuerà certamente in appello dove riteniamo di far valere la richiesta, già formulata in primo grado, di nuove contestazioni suppletive di responsabilità dell’imputata per un congruo aggravamento di pena”.

I LEGALI DELLA DONNA

“Dalla lettura degli atti processuali si evince che Loredana Graziano non aveva alcuna ragione di uccidere il marito”. Lo dichiarano gli avvocati Vincenzo Lo Re e Giuseppe Di Maio che difendono la donna condannata dal gup di Termini Imerese a 30 anni di reclusione.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Assessore Messina: “Maggio 2023, siciliani alle urne. Province? Legge entro l’anno e voto nel 2024” CLICCA PER IL VIDEO

L’assessore regionale alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica, Andrea Messina è l’ospite della puntata 226 di Bar Sicilia. Intervistato da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Messina ha parlato di diversi argomenti tra cui le prossime amministrative siciliane, dei tempi necessari al ripristino delle ex Province, delle difficoltà in cui versano i Comuni e delle…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.